Ultima modifica: 7 ottobre 2021

Organi Collegiali

Organi Collegiali

“Consigli di intersezione (Infanzia)”

Il Consiglio di Intersezione nella scuola dell’Infanzia è composto da tutti i docenti delle sezioni e da un rappresentante dei genitori degli alunni per ciascuna sezione.

Fanno parte del consiglio di Intersezione anche i docenti di sostegno che (ai sensi dell’articolo 315, comma 5), sono contitolari delle classi interessate.

É presieduto dal Dirigente Scolastico oppure da un docente delegato, dura in carica un anno e ha il compito di:

  • formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica
  • agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni

I rappresentanti dei genitori vengono eletti nel corso di assemblee convocate dal dirigente scolastico entro il 31 ottobre.
La convocazione viene di solito fissata per un giorno non festivo e in orario non coincidente con le lezioni ed è soggetta a preavviso scritto di almeno 8 giorni.
Le procedure operative sono contenute nella O.M. 215/91, artt.21 e 22.

Consiglio di Interclasse (Primaria)

Il Consiglio d’Interclasse nella scuola primaria è composto da tutti i docenti dello stesso plesso e da un rappresentante dei genitori per ciascuna delle classi del plesso.
Fanno parte del consiglio di Interclasse anche i docenti di sostegno che (ai sensi dell’articolo 315, comma 5), sono contitolari delle classi interessate.
É eletto all’inizio dell’anno scolastico da tutti i genitori degli alunni iscritti nella classe. Ha il compito di

  • formulare al Collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica
  • agevolare le relazioni tra docenti, genitori, alunni
  • esprimere pareri sulla scelta dei libri di testo e dei sussidi didattici
  • pronunciarsi su ogni altro argomento attribuitogli dalle leggi e dai regolamenti

Il Consiglio d’interclasse è presieduto dal Dirigente Scolastico, oppure da un docente, membro del Consiglio, da lui delegato.

I rappresentanti dei genitori vengono eletti nel corso di assemblee convocate dal dirigente scolastico entro il 31 ottobre.
La convocazione viene di solito fissata per un giorno non festivo e in orario non coincidente con le lezioni ed è soggetta a preavviso scritto di almeno 8 giorni.
Le procedure operative sono contenute nella O.M. 215/91, artt.21 e 22.

Consigli di classe  (Secondaria)

Il Consiglio di classe  nella Scuola secondaria di primo grado è composto da tutti i docenti della classe e quattro rappresentanti dei genitori.

Fanno parte del consiglio di Interclasse anche i docenti di sostegno che (ai sensi dell’articolo 315, comma 5), sono contitolari delle classi interessate.

É eletto all’inizio dell’anno scolastico da tutti i genitori degli alunni iscritti nella classe. Ha il compito di

  • formulare al Collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica
  • agevolare le relazioni tra docenti, genitori, alunni
  • esprimere pareri sulla scelta dei libri di testo e dei sussidi didattici
  • pronunciarsi su provvedimenti disciplinari a carico degli studenti e su ogni altro argomento attribuitogli dalle leggi e dai regolamenti

Il Consiglio di Classe è presieduto dal Dirigente Scolastico, oppure da un docente, membro del Consiglio, da lui delegato.

I rappresentanti dei genitori vengono eletti nel corso di assemblee convocate dal dirigente scolastico entro il 31 ottobre.
La convocazione viene di solito fissata per un giorno non festivo e in orario non coincidente con le lezioni ed è soggetta a preavviso scritto di almeno 8 giorni.
Le procedure operative sono contenute nella O.M. 215/91, artt.21 e 22.

“Collegio dei docenti”

Il Collegio dei Docenti è composto da tutti gli insegnanti in servizio in un Istituto Scolastico ed è presieduto dal Dirigente scolastico. Quest’ultimo si incarica anche di dare esecuzione alle delibere del Collegio.

Si riunisce in orari non coincidenti con le lezioni, su convocazione del Dirigente scolastico o su richiesta di almeno un terzo dei suoi componenti, ogni volta che vi siano decisioni importanti da prendere.

  • definisce annualmente la programmazione didattico-educativa, con particolare cura per le iniziative multi o interdisciplinari
  • formula proposte al Dirigente scolastico per la formazione e la composizione delle classi, per la formulazione dell’orario delle lezioni o per lo svolgimento delle altre attività scolastiche, tenuto conto dei criteri generali indicati dal Consiglio di Istituto
  • delibera la suddivisione dell’anno scolastico in trimestri o quadrimestri
  • valuta periodicamente l’efficacia complessiva dell’azione didattica in rapporto agli orientamenti e agli obiettivi programmati proponendo, ove necessario, opportune misure per il suo miglioramento
  • provvede all’adozione dei libri di testo, sentiti i Consigli di interclasse e, nei limiti delle disponibilità finanziarie indicate dal Consiglio di Istituto, alla scelta dei sussidi didattici;
  • adotta e promuove, nell’ambito delle proprie competenze, iniziative di sperimentazione
  • promuove iniziative di aggiornamento rivolte ai docenti dell’Istituto
  • elegge al proprio interno i docenti che fanno parte del Comitato per la valutazione del servizio del personale insegnante
  • programma e attua le iniziative per il sostegno agli alunni con bisogni educativi diversi
  • delibera, per la parte di propria competenza, i progetti e le attività paraextrascolastiche miranti all’ampliamento dell’offerta formativa dell’Istituto.

Che cosa sono?

Gli organi collegiali sono organismi di governo e di gestione delle attività scolastiche a livello territoriale e di singolo istituto. Sono composti da rappresentanti delle varie componenti interessate e si dividono in organi collegiali territoriali e organi collegiali scolastici.

Rappresentanza

Il processo educativo nella scuola si costruisce in primo luogo nella comunicazione tra docente e studente e si arricchisce in virtù dello scambio con l’intera comunità che attorno alla scuola vive e lavora. In questo senso la partecipazione al progetto scolastico da parte dei genitori è un contributo fondamentale. Gli Organi collegiali della scuola, che – se si esclude il Collegio dei Docenti – prevedono sempre la rappresentanza dei genitori, sono tra gli strumenti che possono garantire sia il libero confronto fra tutte le componenti scolastiche sia il raccordo tra scuola e territorio, in un contatto significativo con le dinamiche sociali. Tutti gli Organi collegiali della scuola si riuniscono in orari non coincidenti con quello delle lezioni.




Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other

Questo sito usa PAFacile sviluppato da toSend.it - we make IT easy!